mercoledì 7 agosto 2013

Isolante in fibra di legno

Isolare un ambiente intervenendo dall’interno può essere un’ottima soluzione in presenza della problematica molto diffusa della condensa superficiale. Le caratteristiche dei materiali che dovranno svolgere il compito di isolamento termico dall’interno sono:

- l’igroscopicità: il materiale assorbe con velocità la condensa e migliora il clima interno;
- la traspirabilità: il materiale traspirante permette il naturale passaggio dell’umidità, in inverno verso l’esterno, in estate verso l’interno;
- la capillarità: permette alla condensa di distribuirsi velocemente e di non accumularsi in una sola zona, bagnando.

Un prodotto che possiede tutte queste caratteristiche è la fibra di legno. La grande traspirabilità dei materiali come la fibra di legno è spesso considerata erroneamente poiché è sbagliato preoccuparsi che una gran quantità di umidità che passa troppo velocemente verso l’esterno vada a condensare contro la parete esterna "fredda".

I pannelli in fibra di legno per coibentazione interna nascondono una stratigrafia complessa e molto prestazionale: prima dell’ultimo strato verso l’esterno (quello che andrà a contatto con la parete fredda esterna) c’è uno strato funzionale costituito da sali igroscopici che frenano il vapore e permettono la buona distribuzione dell’umidità nella fibra dello strato che non è ancora quello più freddo e che si trova oltre questa linea.

L’isolante in fibra di legno può quindi essere un’ottima soluzione alla problematica della condensa superficiale interna e al miglioramento delle condizioni ambientali dei locali di un edificio.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento! Thanks for your comment!