giovedì 3 ottobre 2013

Casa 103: “vivere dietro al muro”

Casa 103 è un edificio residenziale situato a Ferragudo, paesino di pescatori portoghese, progettato e realizzato nel 2013 dallo Studio Ultramarino (Marlene Uldschmidt Architects).

"Vivere dietro il muro" è la frase che riassume la sfida progettuale di questo edificio, intesa come soluzione al tentativo di integrazione fra intervento equilibrato ed armonioso con l'ambiente circostante e la sua storia. L'elemento divisorio, il muro, la facciata, porta con sè il significato di filtro fra la realtà privata e pubblica migliorando, nel contempo, il collegamento visivo fra fiume e villaggio. Per poter esprimere il concetto di legame visivo e per adattarsi alla topografia complessa del luogo, gli interni sono stati progettati come diretta conseguenza di questi due fattori. Il muro diviene così colonna portante di un sistema armonioso e puro di elementi interni ed esterni, superando così il significato apparente di cesura.
Per poter amalgamare armoniosamente gli ambienti interni della casa che, appunto, sono diretta conseguenza dell'ambiente esterno e della "missione urbana" attribuita alla casa, è stato realizzato un pozzo di luce in grado di unire e caratterizzare l’interno con una sensazione di leggerezza e ariosità. Il colore predominante è il bianco, ma non mancano tonalità calde, ove necessario, grazie alla presenza di legno e pietra.

 

Casa-103

Casa-103

Casa-103

Casa-103

Casa-103

Casa-103

Casa-103

Casa-103

Casa-103

Casa-103

Casa-103

Casa-103

Casa-103

Casa-103

Casa-103

Casa-103

Casa-103

Casa-103

Casa-103

Casa-103

Casa-103

Casa-103

Casa-103

Casa-103

Casa-103

Casa-103

Casa-103

Foto: FG+SG

Source: HomeDSGN

1 commento:

Grazie per il tuo commento! Thanks for your comment!